Pirata. Vi racconto un sogno 15 anni dopo

Siamo stati in lutto come per un parente. Lui era così. Piangevamo senza farci vedere. È durata tanto. Poi una notte mi è venuto in sogno.

Camminavamo sulla strada in discesa. Una strada di montagna. Lui alla mia destra; a sinistra gli alberi, addobbati con festoni rosa. La strada era d’asfalto grezzo e rovinata, con uno strato superficiale di sassolini che scrocchiavano sotto i nostri passi. Per il resto era solo silenzio. Abbassando lo sguardo vedevo le sue scarpe sportive e i jeans, erano chiari. Poi mi ha parlato.

Solo una frase, che tuona ancora nella mia mente ogni volta che penso a lui. Una frase di rassegnazione, sospesa, che lascia tanti interrogativi, ma forse dall’intento consolatorio. Mi ha detto solo:”È andata come è andata“.

 

Vita da non abbonato: best practices

Proprio l’altro giorno stavo ricordando l’esperienza di Tele+.
Vi ricordate Tele+? Quella che facevi i compiti e poi andavi a vedere la Roma a casa del compagno di classe che aveva l’abbonamento. Poi c’è stato il pub, quello dove andavi a vedere la partita su Mediaset premium o Sky insieme all’amico di prima che si era rotto di avere gente a scrocco. “E che so scemo, io?”

Ma tu non ci caschi ancora e sponsorizzi il pub, fautore di socializzazione con la tifoseria di quartiere e maturazione di esperienza su luppoli e birre artigianali. Sono gli anni migliori, di necessità virtù. Gli anni in cui a casa tua lasci chi, nonostante tutto, preferisce la radio perchè nel frattempo stira, cucina, vernicia la ringhiera o mette i semi ai canarini. Segue breve parentesi temporale in cui partita fa rima con “telecronaca in ucraino e streaming scattoso”. Parentesi che si tende a dimenticare od omettere per amor di legalità.

Poi arriva Mourinho, agente destabilizzante di questo equilibrio. Succede che in un attimo vuoi diventare bordocampista e oggi, dopo dieci anni, non ce la fai a fare unsuscribe e il sito dell’Inter ti manda ancora gli auguri per il compleanno. Ecco, in quegli anni non era solo questione di guardare una partita, ma era assecondare una passione sportiva. E al pub a Roma ti fanno vedere anche l’Inter o il Palermo di Pastore e Cavani solo negli scontri diretti. Come si fa? È lì che capisci che è ora di ricambiare il favore all’amico di Tele+. E ti abboni e passano gli anni e ti abitui.

Ora da questa carrellata storica non è emersa la modalità di prima visione dei gol sulle trasmissioni RAI  il sabato sera e la domenica pomeriggio. Residuale e anacronistica. Chi è che oggi si frega le mani per vedere i gol un’ora dopo? Ormai è inutile dire che, se necessario, l’uomo usa tutti suoi neuroni di fronte alle difficoltà per ottenere la diretta. Qui sono state proposte alcune tra le più percorribili soluzioni per affrontare preparati questo confuso giro di vite sui diritti.
Ricapitoliamo le caratteristiche vincenti del non abbonato: 1) coltiva buone amicizie; 2) beve responsabilmente; 3) possiede competenze di base in ambito informatico. Completa il profilo la conoscenza di almeno una lingua slava.

Roma, è arrivato Giracchio

È colpa di tutti. È colpa della rcs che pare si sia fidata di rassicurazioni a distanza sui rifacimenti delle strade; è colpa del comitato di tappa, che evidentemente ha raccontato scemenze, s’è occupato d’altro, ha sottovalutato il problema e/o era costituito da persone che non sapevano cos’è il ciclismo professionistico; è colpa di noi appassionati, che per tempo avremmo potuto segnalare con più forza, a chi di dovere, la situazione che avevamo sotto gli occhi, anzi sotto ai piedi. 

Indice del decadimento capitale è il fatto che nove anni fa, sulle stesse strade, Kolovanovas non ebbe problemi a sfrecciare a 46.2 km/h di media nella crono conclusiva. Oggi invece i corridori protestano, non vogliono rischiare l’osso del collo, a parte quegli scavezzacolli dei velocisti, e il tempo si neutralizza dopo i primi tre giri. Perciò gli scooteristi romani che vanno a lavoro potrebbero protestare e far neutralizzare il tempo al tornello? Non lo so, però è stato un dispiacere. Eppure per altre competizioni sportive, come per la recente formula E, di asfalto se n’è usato. Forse troppo ed è finito? Che alla rcs piacciano le sfide l’abbiamo capito e si accontenti di aver vinto quelle di aver portato il Giro in Israele e Froome in maglia rosa. Ma un conto sono le sfide e un conto sono i miracoli a Roma. 

Laura Carletti

L’ultima tappa del Giro: la discesa del Teatro Marcello

Il Giro d’Italia è partito tre giorni fa da Gerusalemme ma noi cominciamo già ad analizzare l’ultima tappa: i punti chiave del percorso di Roma, in ordine sparso. Oggi parliamo della discesa del Teatro Marcello.

L’ampia curva a sinistra in fondo alla discesa

Da Piazza Venezia, in leggera ascesa si arriva ai piedi del Campidoglio. Un buon punto per provare un allungo all’ultimo giro. Siamo a circa 2 km e 300 metri dal passaggio dei Fori Imperiali; curva a destra e giù verso via Petroselli. La discesa del Teatro Marcello non è ripidissima, 250 metri di strada larga e con sampietrino per lo più asfaltato. Ci sono però da segnalare numerosi avvallamenti, soprattutto a centro strada. I famosi “serciaroli” in questi ultimi mesi hanno risistemato il lato sinistro della carreggiata a bordo marciapiede. Quindi, se potete, tenete la sinistra. Inoltre, il manto stradale risulta spesso sporco, con un sottile strato di polvere che probabilmente proviene dal sovrastante Monte Caprino, luogo ancora oggi fortemente bucolico. Attenzione particolare in caso di pioggia, potrebbe essere scivoloso. Un gruppone in passarella non avrà alcun problema, ma eventuali fuggitivi nel finale a tutta devono scendere con cautela. Impostate bene l’ampia curva a sinistra, sennò vi ritrovate direttamente da Giggetto al portico d’Ottavia, cucina romana dal 1923.

Laura Carletti

Olimpiadi invernali: il buco involontariamente

Un post condiviso da Aide Angelini (@aideangel) in data:

“Siamo tutti dei grandi sciatori e sport invernali” diceva il Giampiero Galeazzi dei tempi migliori. E sicuramente dovrebbe essere così, almeno fino al 25 febbraio.

Ma in effetti, per seguire queste Olimpiadi bisognerebbe come minimo:

1) Non dormire la notte per collegarsi con Pyeongchang; 2) avere un certo background sugli sport invernali che non si fermi ai tempi di Alberto Tomba e Ole Kristian Furuseth; 3) amare il contesto montano invernale, il freddo, la neve.

Spiace evidenziare, ad oggi, la distanza esistente con questo identikit. Se, per giunta, si sono trovate ogni anno valide motivazioni per non fare una settimana bianca e non si sono mai messi ai piedi un paio di sci, come ci si può immedesimare nel clima delle gare? Tutto al più, ci si potrebbe immedesimare nel clima del dopo gara, se esiste (leggasi chalet in cui predisporre un terzo tempo a base di ciccia).

Insomma, con le Olimpiadi invernali serve qualche espediente emozionale per venirci incontro. L’obiettivo a quattro anni è trovarli per cogliere così l’essenza della massima del Giampiero nazionale.

Laura Carletti

Il sogno di correre la Dakar

Un post condiviso da SS/ Arkaçanta (@arkacanta) in data:

Bisogna chiamare le cose per quello che sono. Per evitare territori africani poco sicuri, ormai da un decennio si corre in Sud America: quest’anno chiamiamola Lima-Cordoba perchè parte da Lima e non da Parigi e arriva a Cordoba e non a Dakar. Invece continuano a chiamarla solo Dakar e tra gli hashtag spunta anche #DakarArgentina. Una confusione spaziale.

La Lima-Cordoba è partita il 6 gennaio e si è conclusa il 20 dopo aver attraversato dune, altipiani e montagne per quasi 9000 chilometri, dal freddo della Bolivia ai 45 gradi dell’Argentina. Hanno partecipato 337 equipaggi, per un totale di 525 concorrenti provenienti da 54 paesi: 190 fra moto e quad, 105 auto e 42 camion. Gli italiani al via erano 21, sono arrivati in 6. Il migliore tra loro è stato Jacopo Cerutti, ventesimo con la sua moto Husqvarna. Gara vinta dall’austriaco Matthias Walkner con 16 minuti sull’argentino Kevin Benavides.

Con la moto voleva partecipare anche il portoghese André Villas Boas ma poi, per il troppo tempo dedicato all’allenamento dello Shanghai e il troppo poco tempo dedicato al suo allenamento in moto, ha ripiegato su un’auto Toyota in compagnia dell’esperto Ruben Faria. E così, lasciata la Cina per vari motivi, lo storico vice di Mourinho ha realizzato il suo sogno della Dakar. Come fece lo zio Pedro, che partecipò due volte. Anche André forse riproverà il prossimo anno, visto che già al termine della quarta tappa è arrivato il ritiro per dolori alla schiena. Vince invece la classifica finale auto lo spagnolo Carlos Sainz, del Team Peugeot, con tre quarti d’ora su Al-Attiyah. E come dicono i telecronisti bravi “via via tutti gli altri”.

Laura Carletti

Tour Down Under: abbuoni amari per Porte, la corsa a Impey

Un post condiviso da Cameron (@cambutchart) in data:


Uno che si fa chiamare “gorilla”  ma siamo nella terra dei canguri; un sudafricano che non è Froome, assente mica tanto giustificato; uno che ovunque va dà spettacolo; le temperature oltre i 40°. Questi i principali protagonisti della ventesima edizione della corsa australiana: Greipel, Impey, Sagan e la canicola.

Il tedesco della Lotto Soudal fa un bel bottino, apre e chiude i giochi imponendosi con i suoi sprint nella prima e nell’ultima tappa, entrambe le volte sull’australiano Ewan e su Sagan. Impey si porta a casa la corsa e colleziona piazzamenti, sia nelle volate, sia nella tappa più dura, quando cede solo 8’’ a un Porte solitario sul traguardo in salita di Willunga Hills. Il campione del mondo, oltre ad imporsi nella passerella iniziale della People’s Choice Classic, vince la quarta tappa e indossa per un giorno la maglia di leader. Tutto questo e non solo è accaduto nel caldo torrido australiano, così insopportabile da far prendere la decisione agli organizzatori di accorciare di 26 Km la terza tappa con arrivo a Victor Harbour. Tappa vinta dal nostro Elia Viviani (Quick Step Floors) con un bellissimo sprint in rimonta su Bauhaus e Ewan.

Un capitolo a parte per gli idoli di casa. Ewan, velocista puro, vince la seconda tappa in cima allo strappo di Victor Harbour e indossa la maglia per un paio di giorni. Porte, dà tutto e di più per bissare la vittoria finale dello scorso anno, ma non ha fatto i conti con il gioco degli abbuoni che premiano Impey e a lui lo relegano al secondo posto della generale con lo stesso tempo.

Laura Carletti

Notizie dall’Australia: Sagan va come un tir

Prima corsa dell’anno. People’s Choice Classic, Adelaide, Australia. È la passarella iniziale del Tour Down Under. Sagan prende, parte, va dall’altra parte del globo, saluta tutti, assorbe il fuso orario, mette la maglia di campione iridato, fa la volata e vince. Passerella o no, è andata così. Il norvegese Halverson, ai -100, per limare sulla sinistra, prende le transenne e si accartoccia nella pubblicità, per fortuna senza conseguenze. Secondo sul traguardo Greipel, davanti a Ewan e Viviani. Appuntamento a martedì con l’inizio della corsa vera e propria, che agonisticamente promette bene.

Speriamo di essere messi altrettanto bene in sicurezza laggiù. Perché solleviamo giustamente tante perplessità per l’inizio del Giro d’Italia in Terra Santa, ma poi ad Adelaide spunta un tir come niente fosse. È successo nella prima tappa del Tour Down Under femminile, anch’esso in corso dall’11 al 14 gennaio. Carico di fieno, a tutta velocità sul percorso, subito dietro un gruppetto di cicliste in transito, estirpa la struttura gonfiabile posta all’arrivo. C’è un video che documenta l’accaduto. Sembra che abbia proseguito per un centinaio di metri, poi si sia fermato e tutto è stato risistemato entro l’arrivo della corsa. Questo avrà avuto tutti i permessi del caso, però ultimamente con i tir non si scherza più. E tantomeno con la sicurezza dei corridori e degli addetti ai lavori. Alziamo la guardia.

Laura Carletti

Santo Tour Down Under

CiclismoPotremmo pure star qui a parlare di salbutamolo, attese di squalifiche, ipotesi di programmi della stagione dei campioni  e invece andiamo sul sicuro e facciamo un salto in Australia. Ecco il ventesimo Tour Down Under che lo sponsor della compagnia petrolifera ha chiamato Santos Tour Down Under ma che per noi è il Santo Tour Down Under perché come tutti gli anni ci riporta alle corse, riapre i giochi, fa ripartire la giostra delle due ruote.

E a guardare la starting list ti accorgi che gente come Sagan, per fare il mostro quando la stagione entrerà nel vivo, è già con le valigie pronte per andare laggiù a gennaio a pedalare al caldo. Occorre evidenziarlo. Squadra di punta la BMC che schiera i due uomini di casa Richie Porte, vincitore l’anno scorso, e Simon Gerrans che di Tour Down Under ne ha collezionati ben quattro. Folta anche la pattuglia degli italiani, sfusi qua e là, tra i quali spiccano uomini veloci come il nostro caro campione olimpico Elia Viviani (Quick Step Floors), Diego Ulissi (UAE Team Emirates), Oscar Gatto (Astana Pro Team), come pure uomini che cercano una stagione di riscatto, vedi Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida).

Si comincia domenica 14 gennaio con una frazione che non fa classifica, chiamata People’s choice classic, 50 km in circuito che servono solo da anteprima e per entrare nel clima: una festa organizzata nell’East End di Adelaide. Seguono le 6 tappe vere e proprie, dal 16 al 21 gennaio, tutte nella zona attorno ad Adelaide. Già la seconda frazione si presenta piuttosto nervosa, con sali e scendi continui e un finale a circuito. Le più impegnative saranno la quarta e la quinta tappa, con qualche ascesa più impegnativa nel finale.

I protagonisti: ci sono; l’effetto estate: c’è; il cucciolo di canguro per le foto di rito: ormai sarà nato. Poi dite che non è un Santo Tour Down Under…

Laura Carletti

Lupacchiotti al voto

Sotto queste festività natalizie sono in corso votazioni online. Non sono quelle dei grillini sul sito dei pentastellati, sono quelle dei lupacchiotti sul sito dell’AS Roma. Si chiude un anno e bisogna fare il bilancio, la parola al popolo, giallorosso, impegnato, sempre attivo, nel cervello solo la Roma. La bella iniziativa si chiama Roma Awards 2017 e propone un domandone al giorno.
Durante la corsa all’ultimo regalo, il 23 dicembre, la gente impazzita per le strade della capitale, “cosa le compro?” “Le piacerà?” lasciano il tempo che trovano di fronte alla domanda “Qual è stato secondo voi il miglior giovane della Roma nel 2017?” In nomination Cenzig, Emerson, Gerson e Pellegrini. Il giorno della vigilia la domanda arriva prima del cenone: “Chi è stato il miglior acquisto nel 2017?” Cenzig, Defrel, Gonalons, Grenier, Karsdorp, Kolarov, Moreno, Pellegrini o Schick? Risposta così facile che fai click senza nemmeno smettere di friggere. A Natale e a Santo Stefano il romanista a stomaco pieno attende sul divano di poter esprimere il suo parere sulla questione “squadra del cuore”. E nell’ordine escono le domande: “Chi è stato il miglior giallorosso dell’anno?” e “Vota la miglior prestazione individuale dell’anno”. Mica facili facili queste. Oggi, sotto gli ombrelli bagnati di Roma, si ragiona sulla miglior partita e forse ne avremo anche nei prossimi giorni.

Siete ancora in tempo per votare in ogni sondaggio e occhio perché Florenzi ha già detto la sua su tutto. Scegliete voi se farvi o non farvi influenzare.

Vota qui

Laura Carletti